L’albero della mia vita

005-l_albero_della_vita_jpg.jpg

Mi sento molto un albero che cresce, verso l’alto, ma non solo…

…anche verso il basso…

…così ogni persona…

non vive solo nei successi dei rami, con il nascere, il crescere e il morire delle persone che si legano a te per un periodo e poi cadono come foglie secche…

un uomo sprofonda anche nell’oscurità del terreno…

dove c’è una vita nascosta, una vita che si teme…

questa è la vita del proibito!

A volte mi ci butto dentro a capofitto, dimenticando di veder germogliare le foglie sui miei rami…e non riesco più a risalire…

Non cambierei però la mia vita…

ho tanto spazio in cielo e in terra…

continuo a crescere, a dare e a ricevere, a essere felice e triste, a fare il bene e il male…

ho equilibrio fuori e dentro…

ogni tanto cado ma riesco sempre a ricordarmi chi e dove sono…

perchè un albero non può spostarsi da solo, trema, geme, rischia, si piega…ma è ben saldato nel terreno…

fino a che arriverà un fulmine a ciel sereno…allora tutto cambierà…

perchè anche l’albero più forte può essere tranciato…in un secondo…

10 Responses to “L’albero della mia vita”


  1. 1 paoletta 18 settembre 2007 alle 12:27

    Ma di che fulmine parli?
    il fulmine distrttore che rade al suolo tutto e non rimane niente? in quel caso stai attenta, meglio di no…
    o di un colpo di fulmine? in quel caso stai attenta, ma perchè no…

  2. 2 cielolibero 18 settembre 2007 alle 12:33

    Il fulmine capita a chi cammina sotto il cielo.
    A chi si ripara non capita…. ma non vede nenche il sole..

  3. 3 Andrea 18 settembre 2007 alle 12:33

    L’immagine che hai inserito è bellissima: l’hai fatta tu?

  4. 4 Raspa 18 settembre 2007 alle 13:54

    c’era una canzone bellissima che diceva: – quelle parole che sento, cercano dentro di me, mi fa morire cantando, mi fa morire, cantando è la mia vita che ascolto e mi fa morire…e lo sa –
    Hai doti telepatiche o cosa?
    Io a volte riesco a prevedere gli avvenimenti, facciamoci due conti e apriamo uno studio no?!!😀
    R.

  5. 5 Michela 18 settembre 2007 alle 14:13

    eh, ma le radici sotto rimangono. Da là, dalle radici salde, tutto rinasce e germoglia.

  6. 6 offender 18 settembre 2007 alle 15:37

    Molto bella questa immagine della doppia crescita

  7. 7 alieno 18 settembre 2007 alle 21:21

    belle parole le tue,

    è sempre bello leggerti…

    e grazie per l’affetto che mi dimostri… questa sera ho pubblicato alcuni versi brevissimi…

    l’alieno

  8. 8 barbie 19 settembre 2007 alle 13:50

    @ paoletta: un fulmine è un fulmine, quello che ti prende e ti brucia dentro…
    @ cielolibero: corro il rischio, ma al sole non rinuncio
    @ andrea: no, andrea, non l’ho fatta io, ma l’ho scelaperchè anche secondo me è molto bella
    @ Raspa: dovremmo studiarcela un pò…ma se pò fa!😀
    @ Michela: ed in quelle confido, nelle radici salde
    @ offender: molto bella si, grazie
    @ alieno: grazie a te sempre…li ho già letti e come sempre apprezzati

  9. 9 apolide 20 settembre 2007 alle 11:34

    Be’ stavolta devo commentare…
    Quando ti metti “a nudo”, i risultati ci sono… perchè ricorda sempre, un poeta è nudo, si mostra tal qual è senza reticenze. Non ha paura di scrivere dei suoi difetti e dei suoi lati “oscuri”. E riesce, senza esternare facile buonismo, ad essere un adulto che guarda con gli occhi di un bambino…

    ciao

  10. 10 cristian 2 dicembre 2009 alle 21:13

    mi a subito colpito l’albero della vita. Apre il cuore sicuramente. IL mio sicuramente.. complimenti artista


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger cliccano Mi Piace per questo: