Archivio per marzo 2008

Diamoci una mano nel nostro mondo!!!

mondo_mani.jpg

Chiedo scusa per il ritardo ma anche io desidero contribuire, accogliendo l’invito della zia Raspa:

“c’è un’amica blogger che ha bisogno di una mano VERA, è una persona eccezionale che molti di voi conoscono perchè leggono il suo blog. Sta attraversando un periodo colmo di gravi difficoltà e ha bisogno urgentemente di trovare un lavoro. Lei si è finora attivata da sola, ma sappiamo tutti che cosa riserva il panorama attuale no?

Ho pensato quindi di usare il mio blog, dove ci sono solo parole, per un fine reale, e spero che si estenda come un virus Din senso buono ovviamente, chi ha voglia di vedere cosa si può ricavare da questi nostri evanescenti spazi si metta in gioco!!

Quello che segue, è la descrizione che lei fa di se stessa e di cio di cui ha bisogno:

16 anni di esperienza in uffici commerciale estero e come Segretaria di Alta Direzione, con mansioni che vanno dalla gestione totale delle pratiche Import ed Export alla gestione operativa della documentazione relativa all’ufficio commerciale interno; dai viaggi in Cina, USA, Europa, Asia presso fornitori per trattative ed acquisti, o in ogni parte del mondo per visitare clienti; dall’organizzazione alla partecipazione effettiva alle fiere internazionali.

Cerco un lavoro simile, se possibile, ma anche semplicemente come Segretaria di Direzione o quant’altro.

L’unica condizione imprescindibile è che sia a Bologna o provincia e che sia a tempo indeterminato.

Sono disponibile a trasferte e turni di qualsiasi genere.

Vi lascio il mio indirizzo e-mail: innamoratacruda@hotmail.it

Non so che altro dire,

Ancora grazie per quanto riuscirete a fare e baci!

Annunci

Due gocce di tempo

barbara-antiche-055.jpg

Il muretto roccioso di pietra lavica contiene le onde di un mare d’inverno,

il cielo è grigio e l’aria un po’ freddina,

una leggera pioggia di goccioline salate arriva ad ogni ondata e su di loro si posa,

come allora

quando ancora acerbi maturavano al sole in una giornata di mare agitato e bandiera rossa,

quando arrivarono per la prima volta a quel muretto per scambiarsi i primi baci,

di quel sapore così giovane, ma già così buono.

Sono di nuovo a quel muro e ancora il mare li stuzzica,

e ancora quel sapore è di buono, ora che il frutto è più maturo,

dona colore a quel grigio intorno, di una tonalità estiva, così forte e così viva

e insieme tornano fanciulli e ancora crescono in uno spazio fuori dal tempo,

e se domani ancora torneranno a quel muretto sarà perché dentro il cuore è sempre giovane,

il sole è ancora caldo, il succo ancora dolce e salato, sempre buono.

Quattro amiche al mar

Insolente, guardinga e maliziosa si insinua lentamente in ogni dove

e non lascia spazio

Un solo piccolissimo spiraglio che non ceda a lei ed alla sua forza

 Impetuosa si prende anche lo sguardo, il respiro e non mi muovo, lascio che in ogni parte faccia il suo corso, tracciato di rosso come il suo pulsare e come il fuoco che sento salire in su fino alle guance che senza trucco si colorano,

ai gradi alti prosegue il suo percorso, finché soddisfatta non arriva alla sua meta.

 Si prende gioco, si affaccia e si presenta, batte solo due colpi alla porta poi avanza e già pervade, gradita mio malgrado, che quando c’è quasi ne soffro, ma se non c’è mi manca, e l’aspetto, non la cerco, non ne ho il tempo,

perenne e costante sento il suo substrato, non mi abbandona e un po’ mi rassicura…

 a volte si asseconda, e si presta ad un confronto, basta lasciarla parlare, lasciarla confessare, poco a poco abbassa le barriere e si lascia andare in confidenze che solo noi conosciamo, e solo a volte partecipiamo…quando è stesa, completamente indifesa è proprio lì che agisce la vendetta,

la colpisce e la vince, mentre soddisfatta si assopisce, sullo sfondo.

 Anche oggi ha bussato alla mia porta,

ma già sull’uscio ho sferzato il mio colpo, non me ne vuole, e non si arrende.

A volte occorre aspettare che si arrenda e se ne vada, a volte bastano tre minuti per mandarla via…

 La voglia, la pazzia, l’incoscienza e l’allegria.