Archive for the 'Giochi' Category



Knots

 

Un tempo, quando Giovanni era piccolo,

voleva star tutto il tempo con sua mamma

e aveva paura che se ne andasse via,

 

più tardi, quando fu un po’ cresciuto,

voleva starsene via da sua mamma

e aveva paura che

lei lo volesse avere con sé tutto il tempo,

 

quando fu grande s’innamorò di Maria

e voleva stare con lei tutto il tempo

e aveva paura che se ne andasse via,

 

quando fu un po’ più in là con gli anni

non voleva stare con Maria tutto il tempo,

aveva paura

 

che lei volesse stare con lui tutto il tempo,

e che avesse paura

che lui non volesse stare con lei tutto il tempo.

 

Giovanni fa paura a Maria minacciandola di lasciarla

perché ha paura che lei lo lasci.

 

(Tratta da una raccolta di poesie dal titolo Knots (Nodi) di R. D. Laing, 1970, tradotta in italiano nel 1974 da Camillo Pennati, Einaudi, Torino. I protagonisti di questa “storia di tutti” sono indicati coi nomi di Giovanni e Maria. La loro storia viene ricostruita attraverso alcune “tappe” memorabili. Alla base del brano scelto la dinamica madre/figlio e uomo/donna come ricerca di attaccamento e distacco)

 

Hai capito la psicologa???

 

Un paio di giorni fa mi trovavo a trascorrere una serata in casa di amici, buona cena, buona compagnia, temperatura gradevole.

Si era pensato di fare qualche gioco, poi invece ci siamo abbandonati alla chiacchiera, che impegnava forse di meno, e coinvolgeva di più.

Mi chiedo quale orario migliore delle 2:00 per cominciare a parlare di matematica, facendo la gioia di due amici, matematici per l’appunto, e la soddisfazione degli altri, ignoranti in materia, di poter porre loro domande assurde.

L’orario non ha nemmeno frenato uno dei due nel sottoporre tutti noi ad un gioco di logica, partendo da un quesito semplice, proseguendo con uno più complesso, per terminare col terzo ed ultimo di maggiore complessità…

…tutti per una buona ora davanti ad un foglio di carta posto al centro, studiando un disegno e la sua logica, poi si è passati ai fogli individuali, ciascuno col proprio con la riproduzione del disegno, a ragionare per i fatti suoi…

Dopo diversi scervellamenti decido che per me è sufficiente e che posso anche andare a dormire, rimandando la soluzione al giorno dopo, che erano appena le 4:00 del mattino, ma ecco che nel momento che chiedo di andare vengo colta come da un’illuminazione che mi porta liscia liscia a dimostrare la soluzione, sotto occhi e orecchie spalancati…

…mi trovavo in mezzo ad ingegneri, economi, giuristi…li convinco della mia tesi, così restava solo da chiedere conferma all’artefice di questa diavoleria…la conferma arriva…mi sento un genio…dotti, medici e sapienti, ma alla fine vinco io…

…ahò, ma del resto, so’ psicoloca!!!

Oroscopo della settimana precedente

 

L’unico oroscopo che mi sento in grado di scrivere è quello relativo ad un tempo già trascorso, che a quello ci credo.

Amore: una partenza.

(Questo può significare un ritorno, può celare un’ intenzione di non tornare, sicuramente è indice di distacco, quindi, di mancanza)

Salute: i postumi di una festa si manifestano attraverso una lieve cefalea, e piccoli dolorini alla schiena, superabili in poche ore senza ricorso a sostanza medicinale alcuna. Misteriosamente assenti altri disturbi, ma va bene così, ogni cosa a suo tempo.

(Indice di un’età non più tenerissima, quindi nostalgia, quindi reazione incosciente di voler dimostrare il contrario, e di un allenamento interrotto due mesi fa, ma io in palestra d’estate, proprio non ce la faccio. Per gli altri disturbi da intendersi anche quelli mentali)

Amici: alti e bassi anche relativi a questa costante, sempre più costante, con prevalenza dei primi. Un nuovo interesse comune è costituito dall’ipnosi, gentilmente e gratuitamente offerta da una donna dagli occhi efficaci sotto occhiali spessi (ma questo forse è un altro post). Diversi i luoghi e momenti di ritrovo, per scambi di opinioni e condivisioni di esperienze, vi troverete a favorire gli incontri incrociati per rendere piccoli e separati gruppetti, un unico gruppo amicale

(Indice di apprezzamento è la ricezione di tanti feedback positivi da più lati, di cui sinceramente mi onoro e ringrazio. L’armoniosa alternanza di aspetti oblativi e captativi rendono questa sfera ricca di spunti stuzzicanti)

Soldi: un’entrata non prevista caratterizza questi giorni di fierezza e soddisfazione

(Quando i meriti vengono giustamente riconosciuti l’aspetto economico contribuisce a fornire nuovi stimoli per il futuro)

Lavoro: una collaborazione formalmente conclusa, in questa settimana propone nuovi sbocchi stimolanti. Imminente primo viaggio di lavoro.

(Intimamente legata alla sfera precedente, quando si lavora bene i frutti si vedono, e le prospettive non tardano a presentarsi, il lavoro evolve, con la novità che anche multinazionali legate ad altre sfere si rivolgono indirettamente a me per offrire lavoro)

Famiglia: per ultima, ma non di importanza, la famiglia si è incrementata di uno, gioia e piacere di ritrovarsi insieme a trascorrere momenti di chiacchiera e risate.

(Per una sicula la famigghia prima di tutto!!! Aspettiamo altri arrivi a breve, e speriamo di completarci, cosa che non succede da circa un anno)

Valutazioni e previsioni: settimana globalmente positiva, ma per ogni sfera c’è da lavorare, chi più chi meno, laddove ovviamente è nelle nostre possibilità. Si prevede una settimana prossima piuttosto lenta per certi aspetti, lentezza dovuta in parte al periodo di riferimento, qui e la di ferie un po’ su tutti i fronti, con picchi alternati nei diversi giorni necessari per trovare carica e motivazione a portare a casa risultati.

L’importante è cercare sempre di migliorarsi.

Laurea sotto le stelle

 

Sotto la capannina si aveva un quadro chiaro e completo della situazione,

da una lato vedevi la gente arrivare, dall’altro la pista, l’angolo bar, e dietro la spiaggia.

Un giro di telefonate aveva coinvolto anche me nel pomeriggio per predisporre un abbigliamento comodo e sportivo, assolutamente vietato il tacco a spillo.

Abbiamo festeggiato una laurea.

Continua a leggere ‘Laurea sotto le stelle’

Durante una partita di calcio mi son seduta e ho scritto

 

Sono tornata a casa…

Il tempo non sembra passato, invece sono quasi 30 anni.

La signora mi osserva e sorride, e in silenzio mi segue con amorevole sguardo. Tutto è uguale, ai miei ricordi, o forse a ciò che credo di ricordare e che invece nel tempo mi è stato semplicemente raccontato.

Vedo i mobili, la loro posizione, se mi avvicino riesco anche a toccarli.

Nella mia stanza la luce è calda, e voltandomi, in un angolo, scorgo una bimba bionda poggiata al muro e sulle punte, mi guarda, e mi sorride.

Mi avvicino, ma la bimba scompare in un raggio di sole, al suo posto, dei tratti scolpiti nel muro dal basso fino a dove, quasi, avevo visto i suoi capelli, e tutto è chiaro.

Sembra ieri.

Le emozioni sono forti, ma non è ancora tutto.

Dal corridoio mi raggiunge la signora, in mano una borsetta di stoffa colorata.

“L’ho conservata, chissà un giorno fosse tornato qualcuno a chiederla”.

La guardo, la apro.

Dentro solo qualche biglia…chissà quanto le avrò fatte rotolare…, un braccialetto di perline ed una figurina, di Batman…quanto l’ho sudata in cambio delle mie biglie più belle, dal mio primo battito, del piano di sopra…

Nel tempo in questo non sono cambiata, cedo un pezzo di cuore per un pezzo di un altro, e così sento il cuore più grande.

In quel momento tutti i miei pezzi li sentivo battere, e una sensazione salire.

Raggiungo la finestra a corto di respiro e guardo fuori con lo sguardo bagnato, gli alberi intorno l’edificio, la distesa di granoturco e quel colore così raro…ricordo quanto amore per quel verde che mai in nessun posto avrei più rivisto, il desiderio perenne di una casa in campagna…pensavo ormai che un colore così esistesse solo in un pc, non in natura…

Pensavo tutto questo in silenzio.

Spezzato, alle mie spalle, dalla voce della signora:

“Non li ho mai dimenticati, quei due piccoli laghetti di una bimba, che forse non capiva, ma sapeva, che stava per andare”

Mi volto.

“Erano pieni di lacrime, e adesso li rivedo proprio qui, davanti a me”

Lascio scendere una lacrima, poi un pizzico allo stomaco.

Sorrido:

“Non preoccuparti, amore, un giorno se vorrai tornerò con te”

 

serata quiz

nuova anima

 
Sono una nuova anima, sono arrivata
in questo strano mondo sperando che
avrei potuto imparare un pò di cose
su come si fa a dare e a ricevere
ma da quando sono arrivata qui
ho provato la gioia e la paura
mi sono ritrovata a fare
qualsiasi errore possibile

sono un’anima giovane in questo strano mondo
che spera di poter imparare un pò di cose
su cosa è vero è cosa è falso
ma perchè c’è tutto quest’odio?
proviamo a comunicare!
trovare fiducia e amore non è sempre così facile

questo è un lieto fine
perchè non capisci tutto quello che hai fatto?
perchè è tutto così sbagliato?
questo è un lieto fine
vieni e dammi la tua mano, ti porterò lontano

sono una nuova anima, sono arrivata
in questo strano mondo sperando che
avrei potuto imparare un pò di cose
su come si fa a dare e a ricevere
ma da quando sono arrivata qui
ho provato la gioia e la paura
mi sono ritrovata a fare
qualsiasi errore possibile

 
http://www.youtube.com/v/5CsZGoxBtKk&hl=it


La strada

Una strada può essere lunga o corta ma se non fai il primo passo sicuramente sarà lunghissima (Autore Giapponese)
maggio: 2020
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

mi leggete da qui

free counters

musica